03

A chi si rivolge
Il Nada Yoga si rivolge a tutte le persone alle quali interessa un percorso di integrazione ed evoluzione per mezzo della voce e del canto.
Nelle pratiche di Nada Yoga non è necessario essere “bravi” cantanti né tantomeno musicisti, perché l’esperienza del suono prescinde dai canoni estetici e si affida piuttosto all’ascolto consapevole del corpo e delle sensazioni. È per questo motivo che la maggior parte delle tecniche sviluppate possono essere anche definite come meditazioni con il suono.

Il percorso

Nada, in sanscrito, significa vibrazione, cioè suono: il Nada Yoga è una disciplina di origine indiana e tibetana che utilizza il suono, la vibrazione, la musica e la coscienza corporea (consapevolezza fisica), per ristabilire l’unità del’Essere, l’equilibrio e l’armonia tra corpo, mente e spirito. Vengono utilizzati in particolare il suono e la voce come risorse per sciogliere, trasformare e convertire i blocchi energetici, con effetti positivi per la persona. Il canto si modula sull’onda dell’espirazione, portando notevoli benefici a livello del respiro, e conseguentemente del benessere psicofisico. I fondamenti teorici del Nada Yoga si trovano in antichissimi trattati di origine indiana, nei quali è stata formulata una teoria generale del suono su basi matematiche, fisiche e metafisiche. Un grande sviluppo a questa antichissima disciplina è stato dato dagli studi e dalle ricerche del musicista e musicoterapeuta indiano, Sri Vemu Mukunda di Bangalore. La sua formazione scientifica in Fisica Nucleare gli ha permesso di sviluppare l’attitudine a verificare sperimentalmente tutto quello che la millenaria tradizione musicale indiana ci ha lasciato. Il suo metodo terapeutico utilizza il suono come fenomeno vibratorio che può agire direttamente su specifici punti del corpo. Questi punti sono collegati a stati emozionali, quindi il suono utilizzato con attenzione può indurre modificazioni sia psichiche sia fisiche nella direzione desiderata.

Breve descrizione dell’attività
Il lavoro si basa su:
• scale musicali terapeutiche
• meditazione sonora con il mantra OM (A U M)
• canto di alcuni mantra
• armonizzazione attraverso il suono
• introduzione al Canto Armonico (Overtones Singing)
• il sistema ritmofonetico TAKADIMI.

Durante il percorso vengono trasmesse ai partecipanti diverse tecniche che possono venire utilizzate poi autonomamente per la ricerca del benessere.

Tempi
10 incontri (più l’incontro di presentazione) della durata di 1 ora e 15 minuti.
Il prossimo percorso verrà avviato a partire da martedì 6 ottobre 2020 alle 18,30; incontro di presentazione martedi 29 settembre 2020 alle 18.30.

Una volta effettuato il percorso, volendo è possibile proseguire con degli incontri a cadenza mensile che si tengono il lunedì sera alle 20,30.

Luogo
Piedicastello

Quota di partecipazione: 130 euro.